Sfatiamo qualche mito e vediamo insieme da cosa deriva il prezzo di un tatuaggio.

Costo tatuaggio Il tatuaggio è una delle forme d’arte contemporanea più apprezzata ed in voga negli ultimi anni. Tecnicamente consiste nell’inserire delle sostanze chimiche chiamate pigmenti a livello del derma per creare disegni più o meno complessi e colorati. Se siete giunti su questo articolo, molto probabilmente avete intenzione di farvi un tatuaggio e vi starete chiedendo: “Quanto mi costerà?”. Purtroppo la risposta non è universale. Il costo di un tatuaggio dipende da molti fattori che andremo ad analizzare in questo articolo nella speranza di chiarirvi un po’ le idee.

Fattori influenti:

  • Spesa
  • Materiali
  • Mano d’opera

Costo tatuaggio: la Spesa

Uno dei fattori principali, spesso ignorato dalla clientela, che va ad influire sul prezzo dei tatuaggi è la cosiddetta spesa.
Possiamo definirlo un fattore indipendente, ossia che non cambia se non in casi molto particolari. La spesa comprende:

  • Affitto
  • Bollette
  • Arredamento
  • Partita iva
  • Commercialista

Ogni tatuatore deve affrontare dei costi a prescindere dalla quantità e dal tipo di lavoro che effettua.
Per esercitare questa professione è necessaria la partita iva.
Inoltre le fatture e le varie documentazioni è bene che vengano tenute e controllate da un professionista (commercialista) per tutelare sia il tatuatore che i clienti.
Per quanto riguarda l’affitto, l’arredamento e le bollette non è necessario spendere molte parole.

Costo tatuaggio: i Materiali

Per materiali si intende tutti gli strumenti utilizzati per effettuare i tatuaggi nel rispetto delle norme legislative e igienico sanitarie.
Tra questi materiali ci sono anche macchinette, alimentatori e clip-cord ma il loro influenzare il prezzo è infinitesimale dato che il costo viene “diviso” in moltissime sedute.
Senza contare che, nel caso in cui l’artista utilizzi grip d’acciaio, bisogna contare anche i costi di sterilizzazione e dell’autoclave.

Per capire meglio questo fattore, vi facciamo un elenco dei principali materiali utilizzati nell’esecuzione di un tatuaggio professionale.

  • Aghi monouso
  • Grip – nel caso in cui siano in acciaio, ci sono anche i costi di sterilizzazione.
  • Ink cup
  • Copri strumenti (copri macchinetta, copri clipcord ecc.)
  • Guanti monouso – normalmente in nitrile, se ne cambia un paio ogni 20  minuti circa.
  • Mascherina
  • Grembiule – se non monouso, dev’essere lavato quotidianamente.
  • Copri avambracci  – nel caso  vengano utilizzati
  • Abbassalingua,
  • Vasellina
  • Stencil stuff
  • Green soap
  • Carta, pellicola  ed eventuale alluminio
  • Inchiostri vari

Mantenere uno studio di tatuaggi perennemente a norma  è un’impresa  ardua e costosa.
Bisogna rimanere sempre aggiornati, effettuare pulizie quotidiane e utilizzare materiali sterili e monouso per garantire la massima serietà e la massima sicurezza, soprattutto per i clienti.

Costo tatuaggio: la Mano d’opera

Nei due paragrafi precedenti vi abbiamo illustrato a grandi linee i primi due fattori da tenere conto per il prezzo del tatuaggio.
In questo paragrafo invece, andremo a trattare dell’ultimo fattore, ma non meno importante: la mano d’opera.

Il tatuaggio è un lavoro artigianale: ogni tattoo è unico nel suo genere.
Per renderlo tale c’è dietro un enorme lavoro artistico dettato dalla passione e dalla professionalità.
Creare disegni originali e adatti ad ogni cliente non è affatto semplice! Bisogna tener conto delle referenze, delle preferenze del cliente stesso, del tipo di pelle e del fatto che ogni parte del corpo necessita di particolari accorgimenti per quanto riguarda la posizione e l’orientamento del disegno.
I tatuatori, oltre ad essere lavoratori professionisti, sono artisti che mettono il loro stile, la loro tecnica ed il loro talento a disposizione di ogni cliente.


Legenda 

Detto questo, passiamo a qualcosa di più pratico.
Non possiamo fare una tabella precisa per quanto riguarda il prezzo di ogni tatuaggio: possiamo comunque fare una media basata su alcuni studi che conosciamo.

È inoltre necessario fare una piccola legenda e scrivere dei piccoli appunti per poter leggere la tabella in modo corretto:

  • I tatuaggi molto grandi (ad esempio le braccia complete, le gambe o la schiena) vengono effettuati in più sedute, ognuna delle quali ha un costo differente a seconda dello stile, del tipo di tatuaggio e dell’artista che lo andrà a eseguire.
  • In media una seduta costa intorno ai 150/200 € e anche in questo caso il prezzo varia generalmente a seconda del tatuaggio che si va a effettuare e dall’artista.
  • Il tatuaggio di un braccio completo, una gamba o comunque di quelle parti del corpo molto grandi, come la schiena o il petto, necessita di più sedute: in media ci vogliono dalle tre alle otto sedute.
  • Per flash tattoos si intende quei disegni già pronti per essere tatuati, ossia dei disegni che l’artista aveva preparato in precedenza.
  • Per tatuaggi piccoli invece, si intende quei tattoos dalle dimensioni di circa 5cm x 5cm o comunque i simboli piccoli e le scritte semplici e brevi (ad esempio l’iniziale di un nome).
  • Con il termine tatuaggi medio-grandi, si intende invece quei tattoos dalle dimensioni che variano dai 10cm x 10cm ai 20cm x 20cm circa.

Tabella Costo Tatuaggio

Costo Tatuaggio 2019Tatuaggio PiccoloTatuaggio Medio-Grande
Flash TattooDai 60/100€Dai 110/200€
ScrittaDai 60/100€Dai 110/200€
Bracciale MaoriDai 100/200€Dai 210/400€
Tatuaggio CosciaDai 90/140€Dai 150/450€
Tatuaggio AvambraccioDai 50/90€Dagli 100/350€
Tatuaggio BraccioDai 70/150€Dai 180/450€
Tatuaggio PiedeDai 60/100€Dai 110/300€
Tatuaggio PolpaccioDai 70€/160€Dai 160/350€
Tatuaggio SchienaDai 70€/150€Dai 150€/450€

NB: Non è detto che questi prezzi corrispondano a quelli dello studio in cui andrete a tatuarvi. La media si basa su una decina di studi presenti tra Lombardia e Toscana. Tenete conto che la fama di un’artista e, di conseguenza, le sue competenze possono influire notevolmente sul prezzo di una seduta.

Tatuaggi in casa

Dato che siamo in tema prezzi, parliamo dei vari tatuatori a domicilio. Vi sarà sicuramente capitato di conoscere qualcuno, anche solo per sentito dire, che effettua tatuaggi in casa a prezzi stracciati. Bene. Tenete conto che, al contrario degli artisti che lavorano in studi professionali, questi “tatuatori” non hanno tutte le spese che hanno i primi. Non pagano né affitto né partita iva né il resto.

Ma il punto è un altro. Farsi i tatuaggi a casa, per quanto possa sembrare economicamente vantaggioso, implica la mancanza di garanzie per quanto riguarda le norme igienico sanitarie, la professionalità ed i materiali utilizzati. Non c’è modo di sapere né se gli aghi ed i grip siano monouso, né se gli inchiostri siano a norma (quindi sterili,atossici ed anallergici).

Scegliete sempre uno studio professionale! I tatuaggi non sono beni essenziali: non è necessario averli subito. Piuttosto che rischiare malattie infettive o abomini sulla pelle, aspettate!

Se avete in mente di tatuarvi ma non avete le idee chiare, potete farvi un giro nella nostra sezione “Idee Tattoo“.

Speriamo che questo articolo possa esservi stato utile per comprendere almeno in parte da cosa deriva il costo dei tatuaggi. Per qualsiasi informazione o chiarimento, non esitate a contattarci.